FAQ

 

La biblioteca è chiusa?
Si, la Biblioteca Unversitaria di Pisa è attualmente chiusa, non ci sono disposizioni né previsioni per il futuro. i servizi sono sospesi. I dipendenti proseguono nelle funzioni che è possibile svolgere, data la chiusura totale dell’edificio della Sapienza e lo spostamento provvisorio dei bibliotecari presso Palazzzo Reale, sede dalla Soprintendenza BAAAS-Pisa.

Ci sono prospettive di riapertura a breve?
Questa prospettiva non è stata avanzata da nessuno. Al momento l’edificio è “inutilizzabile” per ordinanza del sindaco. Rettorato, enti locali e uffici periferici del Ministero stanno lavorando per proporre una sede alternativa per le funzioni esercitabili fuori sede, ma non c’è alcun progetto operativo.

Ho letto che i libri della Biblioteca sono stati trasportati fuori, è vero?
No, il provedimento riguarda una parte dei libri della Biblioteca dell’Istituto di Diritto, che sono stati collocati in uno spazio approntato in via Volta a cura dello stesso Dipartimento. Nessun libro della Biblioteca Universitaria può essere al momento asportato.

Qual è il progetto dell’Associazione circa il destino della Sapienza?
L’Associazione non prende posizione pregiudiziale rispetto alle soluzioni che si possono proporre per la Biblioteca. Il nostro obiettivo è dare voce ad una comunità di lettori che hanno espresso un pubblico interesse a che si ripristini la piena funzionalità della Biblioteca, grazie alla cooperazione di tutti gli Enti interessati, e si eviti ogni danno o decurtazione del patrimonio librario. Non abbiamo preclusioni, salvo la legalità e l’interesse pubblico, e intendiamo offrire a chiunque una informazione corretta e una opinione motivata.

Come mai il blog non è aperto ai commenti?
Non ce la facciamo col tempo. Chi vuole fare proposte o critiche può scrivere all’indirizzo amicibup@gmail.com, promettiamo il massimo impegno nel rispondere.

Che cosa posso fare per la Biblioteca?
Un buon inizio è senza dubbio firmare e promuovere una delle petizioni.

Poi, iscriversi all’Associazione: sarà possibile appena lo statuto sarà atto pubblico, con quote accessibili a tutti.

Per adesso è importante mantenere e aumentare il livello di attenzione in ambito locale, nazionale e internazionale. Abbiamo l’impressione infatti che il dibattito sia troppo legato ad una prospettiva pisana e che sia gli Enti locali sia i Ministeri competenti possano mostrarsi più propositivi se sollecitati dalla pubblica opinione italiana e dalla comunità internazionale degli studiosi.

Naturalmente proposte, confronti, idee sono benvenuti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...